ShemaShemaMuro del pianto
SHEMA ISRAEL

ASCOLTA, ISRAELE:
IL SIGNORE E NOSTRO DIO, IL SIGNORE E UNO.

(a voce bassa) Benedetto il Nome glorioso del suo Regno in eterno e per sempre.

Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza.
Queste parole, che ti ordino oggi, saranno sul tuo cuore: le ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando siederai in casa tua e quando camminerai per strada, quando ti coricherai e quando ti alzerai.
Te le legherai come segno sulla mano e ti saranno come pendagli tra gli occhi; le scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.

(Deut,  VI, 4-9)

Se ascoltando obbedirete ai miei precetti, che vi ordino oggi, di amare il Signore vostro Dio e di servirlo con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima, Io daro la pioggia alla vostra terra a suo tempo, la pioggia autunnale e la pioggia primaverile, e così potrai raccogliere il tuo grano, il tuo vino e il tuo olio.
Ti daro l'erba nei campi per il tuo bestiame: mangerai e sarai saziato. Ma state in guardia che il vostro cuore non sia sedotto, e non vi allontaniate per servire altri dèi e prostrarvi ad essi. Perché l'ira del Signore si accenderebbe contro di voi; chiudera il cielo e non vi sara pioggia, la terra non dara i suoi prodotti e voi sparirete presto dalla terra buona che il Signore vi da.
Porrete dunque queste mie parole sul vostro cuore e sulla vostra anima, ve le legherete come segno sulla mano e vi saranno come pendagli tra gli occhi.
Le insegnerete ai vostri figli, parlandone quando siederai in casa tua e quando camminerai per strada, quando ti coricherai e quando ti alzerai.
Le scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte, affinché i vostri giorni e i giorni dei vostri figli, sulla terra che il Signore ha giurato ai vostri padri di dare loro, siano numerosi come i giorni del cielo sopra la terra.

(Deut, XI, 13-21)

Il Signore disse a Mosè: Parla ai figli di Israele e dì loro che si facciano delle frange agli angoli delle loro vesti per (tutte) le loro generazioni, e mettano nella frangia di ogni angolo un filo di lana azzurra. Questo sara per voi della frangia: guardandola vi ricorderete di tutti i precetti del Signore e li praticherete.
Non correrete dietro ai vostri cuori e dietro ai vostri occhi, seguendo i quali vi prostituite; ma ricorderete e praticherete tutti i miei precetti, e sarete santi per il vostro Dio.
Io sono il Signore vostro Dio, che vi ho fatti uscire dalla terra di Egitto per essere il vostro Dio.
IO SONO IL SIGNORE VOSTRO DIO.

(Num, XV, 37-41)

Lo Shema (Ascolta) non e una vera e propria preghiera, ma piuttosto una professione di fede. Esso va recitato due volte al giorno, nella preghiera del mattino e in quella della sera, e, privatamente, prima di coricarsi.
Il primo brano (Deut, VI, 4-9) afferma :

Il secondo brano (Deut, XI, 13-21) affronta: Il terzo brano (Num, XV, 37-41) impone:

Nella preghiera pubblica la recita dello Shema è preceduta e seguita da particolari benedizioni.
Le parole dello Shema sono 245. Ripetendone l'ultima espressione diventano 248, tante quante sono, per tradizione, le membra del corpo umano, a ricordare che bisogna aderire alle parole dello Shema con tutta la propria persona.

Lo Shemà in ebraico